La nostra Mission

Diamo forma alle migliori qualità e intenzioni umane, 
perché la volontà che nasce come ispirazione diventi atto 
e la pratica si consolidi in quotidianità e si diffonda nella comunità.

Nella consapevolezza che la solidarietà sia un valore da coltivare e condividere, crediamo che il volontariato ne rappresenti la piena espressione come promotore di cittadinanza attiva e coesione sociale.

Grazie all’impegno volontario degli amministratori e alla professionalità dello staff, attraverso la prossimità e il radicamento sul territorio, per una comunità più solidale e inclusiva, CTV:

  • si prende cura dei volontari e della società civile
  • è spazio di incontro per idee e buone pratiche
  • è spinta e volano per la crescita della solidarietà
  • è luogo di intreccio e di relazione
  • è punto di accesso al volontariato 
  • è al servizio del Terzo Settore

Questo è il significato della nostra presenza sul territorio – aperta, consapevole e responsabile – nel rispetto dei valori di equità, indipendenza e partecipazione. 

I principi per l'erogazione dei servizi

I principi nell’erogazione dei servizi organizzati mediante il FUN – Fondo Unico Nazionale  (art. 63 c. 3 del Codice del Terzo Settore) sono rispettivamente:

  1. principio di qualità: i servizi devono essere della migliore qualità possibile considerate le risorse disponibili; i CSV applicano sistemi di rilevazione e controllo della qualità, anche attraverso il coinvolgimento dei destinatari dei servizi; 

  2. principio di economicità: i servizi devono essere organizzati, gestiti ed erogati al minor costo possibile in relazione al principio di qualità; 

  3. principio di territorialità e di prossimità: i servizi devono essere erogati da ciascun CSV prevalentemente in favore di enti aventi sede legale ed operatività principale nel territorio di riferimento, e devono comunque essere organizzati in modo tale da ridurre il più possibile la distanza tra fornitori e destinatari, anche grazie all’uso di tecnologie della comunicazione; 

  4. principio di universalità, non discriminazione e pari opportunità di accesso: i servizi devono essere organizzati in modo tale da raggiungere il maggior numero possibile di beneficiari; tutti gli aventi diritto devono essere posti effettivamente in grado di usufruirne, anche in relazione al principio di pubblicità e trasparenza; 

  5. principio di integrazione: i CSV, soprattutto quelli che operano nella medesima regione, sono tenuti a cooperare tra loro allo scopo di perseguire virtuose sinergie ed al fine di fornire servizi economicamente vantaggiosi; 

  6. principio di pubblicità e trasparenza: i CSV rendono nota l’offerta dei servizi alla platea dei propri destinatari, anche mediante modalità informatiche che ne assicurino la maggiore e migliore diffusione; essi inoltre adottano una carta dei servizi mediante la quale rendono trasparenti le caratteristiche e le modalità di erogazione di ciascun servizio, nonché i criteri di accesso ed eventualmente di selezione dei beneficiari. 

Il nostro profilo

CTV – Centro Territoriale per il Volontariato è un’associazione di secondo livello, nata il 1 gennaio 2015 dall’unione dei due precedenti Centri di Servizio per il Volontariato di Biella e Vercelli.

La sua base sociale attualmente è costituita da ODV – Organizzazioni di Volontariato a norma con la L. 266/91 o il D.Lgs 117/2017 aventi sede legale o operativa in Regione Piemonte.

“Possono far parte di CTV, in numero illimitato, tutte le organizzazioni di volontariato aventi sede legale o una sede operativa nel territorio della Regione Piemonte, il cui statuto risponde ai requisiti della L.266/91, che si riconoscono nello Statuto e intendono collaborare per il raggiungimento dei fini ivi indicati.” (Statuto CTV, art. 7)

In qualità di Centro Servizio per il Volontariato CTV organizza, gestisce ed eroga servizi di supporto tecnico, formativo ed informativo per promuovere e rafforzare la presenza e il ruolo dei volontari negli enti del terzo settore, così come previsto dall’art. 63 del D.Lgs 117/2017.

CTV, su mandato del Comitato di Gestione del Fondo Speciale per il Volontariato in Piemonte (Co.Ge.) gestisce la funzione di Centro di Servizio per il Volontariato sulle province di Biella e Vercelli, secondo quanto previsto dalla L.266/91.

Ispirandosi ai principi della solidarietà, CTV si propone lo scopo di sostenere, promuovere e qualificare l’attività di tutti gli ETS che operano nel territorio biellese e vercellese.

Per raggiungere i suoi obiettivi, CTV appronta strumenti e iniziative per la crescita della cultura della solidarietà, la promozione di nuove iniziative di volontariato ed il rafforzamento di quelle esistenti, offre consulenza e assistenza qualificata, nonché strumenti per la progettazione, l’avvio e la realizzazione di specifiche attività.

Assume iniziative di formazione e qualificazione; offre informazioni, notizie, documentazioni e dati sulle attività di volontariato locale e nazionale, effettuando a tal fine studi e ricerche, organizzando seminari, convegni, giornate di studio, e promuovendo nel contempo iniziative editoriali.

CTV eroga i propri servizi gratuitamente a tutti gli ETS  (soci e non soci del Centro), secondo le modalità e i limiti riportati nella Carta dei servizi  realizzata di anno in anno.

CTV si rivolge inoltre agli aspiranti volontari delle province di Vercelli e di Biella con un servizio di orientamento al volontariato e offre consulenze specifiche per la costituzione di ETS.

Pur esistendo con questa strutturazione dal 1 gennaio 2015, CTV incarna l’eredità e l’esperienza quasi ventennale di A.CSV (Associazione dei Centri di Servizio per il Volontariato) che dal 1997 svolge la funzione di Centro di Servizio per il Volontariato sui territori di Vercelli e Biella.

In un’ottica di sinergia ed ottimizzazione di risorse e conoscenze, CTV aderisce al Coordinamento Regionale dei CSV del Piemonte ed è socio di CSVnet, l’associazione nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato.

Lo Statuto di CTV – PDF

A.CSV (Associazione dei Centri di Servizio Volontariato) si costituisce alla fine del 1996 dall’unione di 12 Organizzazioni di Volontariato, che partecipano al primo bando per l’istituzione dei CSV in Piemonte.

Nel 1997 A.CSV vince il bando e acquisisce la funzione di CSV per le province di Biella, Novara, Vercelli e Verbano Cusio Ossola.

Nel 2002 A.CSV vince il nuovo bando emesso qualche mese prima dal Co.Ge. Piemonte e si aggiudica la funzione di CSV per le province di Biella, Novara e Vercelli. Per assicurare un più stretto legame con il territorio nascono i CSV di Biella, Novara e Vercelli, tre autonome associazioni provinciali socie di A.CSV, che operano insieme, unendo risorse economiche e professionali.

Nel 2002-2003 A.CSV inizia ad accogliere volontari del Servizio Civile. 

Nel 2002-2003 il CSV Biella avvia la propria collaborazione con il progetto Stage di Volontariato, già attivo sul territorio biellese dal 1990, che prevedeva la sperimentazione di attività di volontariato nel periodo estivo per ragazzi delle scuole superiori, proseguito sulla provincia di Biella fino al 2012. Nell’autunno 2008 il CSV Vercelli partecipa alla prima edizione della Festa Popoli, che continuerà a svolgersi annualmente, diventando un appuntamento fisso per le Associazioni e la cittadinanza, raggiungendo nel 2019 l’undicesima edizione.

Nel novembre 2009 viene inaugurato lo sportello di Varallo.

A partire dal 2010 A.CSV e i tre CSV iniziano ad interessarsi al fundraising e alla progettazione partecipando in qualità di partner o capofila a reti regionali, nazionali o europee

Nel 2011 e 2012 vengono emessi i nuovi Bandi di Progettazione Sociale. Complessivamente, i tre CSV emettono 9 Bandi, che vanno a sostenere direttamente 83 progetti.

Nel 2011, Anno Europeo del Volontariato, i CSV Biella e Vercelli inaugurano entrambi una campagna di promozione del volontariato e di ricerca di nuovi volontari.

A partire dal 2012 i tre CSV si accreditano come enti di accoglienza all’interno del progetto SVE. Il CSV Biella e il CSV Vercelli accolgono rispettivamente 8 e 6 volontari nel corso di tre anni. 

Nel 2012 A.CSV ottiene la personalità giuridica e apre partita IVA, nell’ottica di differenziare il più possibile le fonti delle entrate economiche, strategia resasi necessaria a fronte del costante calo delle risorse iniziato fin dal 2009.

Proprio a causa della diminuzione delle risorse a disposizione dei CSV, nel 2013 A.CSV avvia una trattativa con i propri dipendenti e le rappresentanze sindacali. Il percorso, difficile seppur condiviso, si conclude nell’autunno del 2013, con una significativa riduzione del personale.

Nello stesso anno, nel luglio 2013, il Co.Ge. Piemonte delibera in merito ad una ristrutturazione dell’intero sistema dei CSV piemontesi, avviando un processo che si concluderà all’inizio del 2015 e che porterà alla riduzione del numero dei CSV in Regione Piemonte, che passano da 9 a 5.. 

Il 2014 è l’anno della trasformazione: si lavora per consentire la separazione del CSV Novara da A.CSV e la sua unione con il CSV operante nel Verbano Cusio Ossola, e nello stesso tempo per creare le basi per la più stretta collaborazione tra i territori di Biella e Vercelli, che dal 1 gennaio 2015 saranno uniti in un unico CSV. Viene redatto il nuovo statuto, individuata la nuova denominazione e il logo del nuovo soggetto.

CTV esiste con questo nome e questa forma dal 1 gennaio 2015, data in cui avviene la trasformazione della preesistente Associazione dei Centri di Servizio per il Volontariato (A.CSV), 

Il 1 gennaio 2015 A.CSV, associazione di terzo livello, costituita a fine del 1996 e operante come Centro di Servizio per il Volontariato dal 1997 dopo quasi vent’anni, per adempiere alle disposizioni del Comitato di Gestione si trasforma ufficialmente in CTV, associazione di secondo livello. La collaborazione tra le due realtà territoriali di Biella e Vercelli diventa prassi consolidata e base fondante dell’identità stessa di CTV, un unico Centro operante su due province.

Tra il 2015 e il 2017 CTV torna a sostenere direttamente i progetti delle Associazioni con 7 Avvisi di Selezione (Assistenza, Promozione, Formazione). Complessivamente vengono sostenuti 131 progetti di ODV locali.

Nel 2017 CTV emette il Bando di Idee, che porta alla coprogettazione e realizzazione di 4 progetti. 

Nel 2016 viene inaugurato lo sportello di Santhià che, grazie alla collaborazione con il Comune di Santhià, va ad aggiungersi alle sedi di Biella, Vercelli e Varallo. 

Nel 2016 si dà avvio alla nuova campagna di promozione del volontariato: “Da quando Mario fa il volontario / Da quando Daria fa la volontaria”, rivolta a persone adulte, vicine al pensionamento, neopensionati ed anziani. 

Il 1 gennaio 2018 CTV modifica la platea dei destinatari dei propri servizi, adeguandosi a quanto previsto dal Codice del Terzo Settore e a quanto richiesto dal Comitato di Gestione del Fondo Speciale per il Volontariato in Piemonte: da questo momento CTV eroga i propri servizi a tutti gli enti del terzo settore accreditati operanti attraverso i propri volontari sui territori provinciali di Biella e Vercelli. 

Nel 2019, a seguito della Riforma del Terzo settore, si avvia una nuova fase di trasformazione: CTV partecipa alla Manifestazione di Interesse indetta dall’ONC per l’assegnazione della funzione di CSV e lavora alla redazione del nuovo statuto, che è oggi ancora in forma di bozza e che una volta approvato consentirà a CTV di diventare a tutti gli effetti un Ente del Terzo Settore. 

Sempre nel 2019 viene avviata una nuova, massiccia, campagna di comunicazione sociale e di promozione del Volontariato, divisa in due filoni: da un lato la campagna vera e propria #InPrimaPersona, dall’altro il ciclo di incontri pubblici di approfondimento su temi sociali dal titolo “Kairos, il tempo dell’azione”.



Gli organi sociali

L’Assemblea dei Soci, il Consiglio Direttivo e il Presidente sono gli organi di partecipazione democratica e di direzione del Centro Territoriale per il Volontariato.

  • Assemblea dei Soci

L’assemblea è formata dai rappresentanti legali di tutte le organizzazioni socie del Centro Territoriale per il Volontariato ed è l’organo che nomina il Consiglio Direttivo, approva i rendiconti preventivi e consuntivi, le relazioni annuali del Consiglio Direttivo, approva i programmi dell’attività da svolgere e le variazioni dello statuto.

I membri dell’Assemblea partecipano attivamente alla stesura e all’approvazione delle linee programmatiche e dei piani annuali, contribuendo ad identificare i bisogni del volontariato, determinarne importanza, urgenza e priorità delle iniziative; in poche parole l’Assemblea ha voce nelle decisioni e nelle scelte di un Centro che ha come scopo quello di aiutare il volontariato organizzato del territorio.

Elenco Soci CTV al 30.06.2020 – PDF

  • Il Consiglio Direttivo

Il Consiglio Direttivo di CTV è composto da 12 membri eletti dall’Assemblea dei Soci,  (6 in riferimento al Collegio della provincia di Biella – 6 in riferimento al Collegio della provincia di Vercelli) .

Per il triennio 2018 – 2021 il Consiglio Direttivo è così composto:

Collegio Elettorale di Vercelli

  • Luca Vannelli -A.V.I.S. Provinciale di Vercelli PRESIDENTE dal 3/5/2018
  • Anna Maria Vetulli – Auser – Associazione per l’Autogestione dei Servizi e la Solidarietà – Centro Provinciale di Vercelli
  • Norberto Julini – Nova Jerusalem ODV
  • Germana Fiorentino – Amico Randagio
  • Giuseppe Varia – Gruppo di Volontariato Vincenziano Interparrocchiale di Vercelli
  • Renzo Pregnolato – Icybernonni ODV

Collegio Elettorale di Biella

  • Elena Cagnoni – Gruppo di Volontariato Vincenziano San Lorenzo ODV Lessona
  • Corrado Giardino – ASA – Associazione Scuola Aperta ODV VICE PRESIDENTE dal 3/5/2018
  • Renzo Giardino – Auser volontariato provinciale di Biella ODV
  • Elisa Incoronato Gobbi – Insieme… è di più
  • Gian Franco Penna –  Mai Soli
  • Andreotti Daniele – Gruppo Volontariato Vincenziano San Giovanni Evangelista ODV
  • Il Presidente

Il Presidente di CTV  è nominato dal Consiglio Direttivo ed è il rappresentante legale e istituzionale del Centro Territoriale per il Volontariato.
Per il triennio 2018 – 2021 il Presidente di CTV  è Luca Vannelli  ed il Vice Presidente è Corrado Giardino.

Collegio dei Sindaci Revisori

Il Collegio dei Sindaci Revisori è composto da tre membri di cui uno nominato dal Comitato di Gestione. Il Collegio è l’organo di controllo che verifica gli atti amministrativi e i documenti contabili. Il Collegio rimane in carica tre anni e può partecipare senza diritto di voto al Consiglio Direttivo.

Per il triennio 2018 – 2021 risultano eletti:

  • Botto Poala Francesco
  • De Marco Bruno

Il Collegio dei Probiviri

  • Ogliaro Mario
  • Giachetti Simona
  • Maria Cristina Bisco

Iscriviti alla newsletter

Calendario eventi

Luglio

Agosto 2020

Settembre
L
M
M
G
V
S
D
27
28
29
30
31
1
2
Eventi di Agosto

1

Nessun evento
Eventi di Agosto

2

Nessun evento
3
4
5
6
7
8
9
Eventi di Agosto

3

Nessun evento
Eventi di Agosto

4

Nessun evento
Eventi di Agosto

5

Nessun evento
Eventi di Agosto

6

Nessun evento
Eventi di Agosto

7

Nessun evento
Eventi di Agosto

8

Nessun evento
Eventi di Agosto

9

Nessun evento
10
11
12
13
14
15
16
Eventi di Agosto

10

Nessun evento
Eventi di Agosto

11

Nessun evento
Eventi di Agosto

12

Nessun evento
Eventi di Agosto

13

Nessun evento
Eventi di Agosto

14

Nessun evento
Eventi di Agosto

15

Nessun evento
Eventi di Agosto

16

Nessun evento
17
18
19
20
21
22
23
Eventi di Agosto

17

Nessun evento
Eventi di Agosto

18

Nessun evento
Eventi di Agosto

19

Nessun evento
Eventi di Agosto

20

Nessun evento
Eventi di Agosto

21

Nessun evento
Eventi di Agosto

22

Nessun evento
Eventi di Agosto

23

Nessun evento
24
25
26
27
28
29
30
Eventi di Agosto

24

Nessun evento
Eventi di Agosto

25

Nessun evento
Eventi di Agosto

26

Nessun evento
Eventi di Agosto

27

Nessun evento
Eventi di Agosto

28

Nessun evento
Eventi di Agosto

29

Nessun evento
Eventi di Agosto

30

Nessun evento
31
1
2
3
4
5
6
Eventi di Agosto

31

Nessun evento

CTV per gli ETS

CTV per i cittadini

Lotta allo spreco

Mondo migrante

Biellainsieme.it