Calendario eventi

Febbraio 2024

L
M
M
G
V
S
D
29
30
31
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
1
2
3

Iscriviti alla newsletter

Data

10 Feb 2024
Concluso

Ora

Tutto il giorno

Etichette

Biella

Comunicato Occhio Pin… una fiaba?

 

La rassegna indipendente Storie Off propone una compagnia che viene dalla Lombardia, dopo il
successo del 3 febbraio e il tutto esaurito dell’attrice nostrana Roberta Correale, che presenterà
sabato 10 febbraio alle 21 Occhio Pin… una fiaba? rivisitata dalla penna di Gershom
Freeman.
Pinocchio è una delle fiabe più conosciute al mondo, sicuramente il burattino più famoso, la
trasposizione di un archetipo antichissimo in chiave favolistica non solo, e soprattutto, non per
bambini.
con: Michelle Fantasia, Gianni Lamanna, Mariangela Eterno
voce fuori campo: Ferruccio Masci
Regia: Ferruccio Masci

Il testo Occhio Pin di Gershom Freeman, autore schivo e poco dedito alle folle che preferisce la vita
nei boschi o nella natura, della scrittura dice: “se l’opera regala qualcosa a qualcuno, bello è tacere
il nome del donatore affinché il dono abbia valore per se stesso e non per chi lo ha donato”. Il suo
Pinocchio scardina certezze e ribalta punti di vista.
L’autore conosciuto per aver scritto due thriller psicologici con Occhio Pin affida a Ferruccio Masci,
la regia di un testo curioso che pone alcuni interrogativi. Chi non ha mai sentito narrare di un
personaggio nato senza essere concepito sessualmente da un padre virtuale e da una madre
terrena grazie ad un intervento mistico? Il paradigma della nascita di Pinocchio ha radici lontane e
profonde: nell’inconscio di ognuno di noi. Forse è proprio questa la ragione del suo successo
planetario e metatemporale.
Gershom Freeman rovescia e ironizza già dal titolo la seriosa pedagogica supponenza della fiaba
per poi proseguire nella sua leggera e profondissima iconoclastia con tutti i personaggi collodiani.
Una fiaba moderna che ci conduce per mano nel labirinto delle nostre anime e ci fa comprendere
che la magia prevaricante e castrante della Fata Turchina, quella che deturpa il viso e fa crescere il
naso ad ogni bugia, è un inganno della coscienza, è paura di vivere.
Ingresso 10 euro, ridotto 8 euro
Prenotazione consigliata al 327 485 8731
www.storiedipiazza.it

I commenti sono chiusi.